Corsa e notizia


Di questi tempi pensiamo veramente che la nostra passione possa fare notizia?

Lamentarsi per il meteo, per il doloretto che si manifesta dopo la prima mezz'oretta, il caro costo/iscrizione, il "contenuto" pacco gara...eccetera.
Anche sommandole tutte ste rogne, possiamo immaginarci seduti accanto a una persona che si ritrova viva si, ma completamente svuotata di tutto?
Denaro e buoni propositi non mancano per dare speranza alle migliaia di sventurati, però si sa, sarà il tempo... il molto tempo per ricostruire, per trasformare la dolorosa mancanza del famigliare in ricordo sopportabile, per ritarare a censimento fatto il rapporto con il prossimo, e speriamo, per potere progettare in una terra instabile.
Per le generazioni mature il danno sarà irreversibile purtroppo, però, quei bambini che in questi giorni vivono lo smarrimento, ne sono convinto, riusciranno con le loro energie mettere ordine alle attuali rovine.
Passi in fretta questo tempo per la popolazione dell'Aquila, e quale buon segnale, si veda qualcuno a riprendere la corsa interrotta.
Bruno Golin


Articolo tratto da: LaCerniera - http://www.lacerniera.it/
URL di riferimento: http://www.lacerniera.it/index.php?mod=none_News&action=viewnews&news=1239857147